L'idea

L'idea nata da un giovane ceramista locale ha da subito coinvolto i ceramisti più quotati oggi attivi sul territorio e gli operatori turistici che rappresentano il turismo estivo, i bagni marini. Un presepe sommerso rappresenta la fusione delle tradizione ceramica locale e della principale forma di turismo che caratterizzano il territorio. Due elementi imprescindibili per le Albisole che si incontrano in modo eclatante, originale e unico. A livello nazionale sono presenti esempi di singole statue sommerse, il più conosciuto e vicino a noi è il Cristo degli abissi di Portofino (GE) mentre meno noto è il Cristo dell'Isola Gallinara (SV), l'immersione di gruppi di statue in Italia è presente solo sul Lago Maggiore dove, durante le festività di Natale, viene immerso a pochi metri dalla costa un piccolo presepe composto da una decina di statue, per essere poi rimosso dopo l'Epifania. Nel panorama internazionale solo a Cancoon, Messico, sono state immerse circa 500 statue in cemento nella baia rappresentando la più importante opere sommersa. Nel contesto ligure, il presepe sommerso delle Albisole, si inserirebbe in un ideale percorso turistico da Albenga a Portofino per appassionati di immersioni e snorkeling che coinvolgerebbe cultura, religione e natura attraverso la riserva naturale dell'isola di Bergeggi e il relitto della Haven, il più grande visitabile nel Mediterraneo.

Il Progetto

Dicono di noi

  • " Il Presepe degli Abissi potrà diventare un’originale e affascinante attrattiva per i turisti..."

    Luca Ottonello, Assessore al Turismo del Comune di Albisola Superiore

  • Il progetto di inserire sui fondali marini opere d'arte in ceramica è sicuramente una bellissima intuizione, 

    Assessore Arch. Nicoletta Negro – Comune di Albissola Marina

Contribuisci anche tu